Piante medicinali e spezie: l’altro tesoro sul suolo dell’Iran

Liquirizia, Coriandolo, Hennè, Cartamo, sono solo alcune delle droghe officinali di grande utilizzo che arrivano sui mercati internazionali, ma le specie più caratteristiche della flora iraniana sono gli arbusti dell’altopiano e dei deserti, che producono gomme e resine profumate di elevata attività biologica.
Il comparto delle piante aromatiche e medicinali e delle spezie vive oggi una fase di sviluppo e rinnovato interesse, come una delle possibili alternative all’industria petrolifera legate alla crescita della produzione agricola. Un’opportunità che si gioca sulla ricerca della qualità e della naturalità.

Per leggere l’intero articolo sfoglia il numero 424 – 1/2021

Euforbia: i poteri del lattice

Ancora una volta dalla macchia mediterranea emerge una pianta morfologicamente e fisiologicamente molto differenziata, che si rivela una fonte speciale di sostanze biologicamente attive, dotate di funzionalità molto peculiari. Il lattice, non privo di tossicità, sta rivelando potenzialità interessati in campo farmaceutico e nutrizionale, e anche per applicazioni industriali

Per leggere l’intero articolo sfoglia il numero 424 – 1/2021

Tra naturalità e greenwashing: la cosmesi naturale vista dai consumatori

Per quale delle sue caratteristiche un cosmetico è considerato “naturale” dal pubblico? Quanto conta la “firma”, il potere del marketing, soprattutto quando scendono in campo i grandi player mondiali? E cosa riconoscono i consumatori nei simboli che in etichetta garantiscono valenze e qualità di quel specifico prodotto o processo produttivo.
È quanto ha indagato NATRUE con un interessante studio quantitativo, realizzato tra gennaio e febbraio 2021 nei due principali mercati della cosmesi naturale in Europa, Germania e Francia. Ne ricaviamo molte indicazioni operative utili, e la sensazione di quanta trasparenza e informazione in più sarebbe ancora necessaria.

Per leggere l’intero articolo sfoglia il numero 424 – 1/2021

Da BIOFACH VIVANESS eSPECIAL:
molte le esperienze di valorizzazione delle officinali bio

La raccolta, con pratiche etiche e sostenibili, per lo sviluppo di rimedi fitoterapici tradizionali con
Pelargonium sidoides del Sudafrica; la storia erboristica del Portogallo negli infusi della valle del
Douro; una filiera bio per la raccolta delle piante selvatiche dal Tirolo alla Sicilia. Solo alcuni dei
modelli innovativi di impresa di produzione di derivati officinali che abbiamo visto per voi sulla
piattaforma online della manifestazione internazionale del biologico.

Per leggere l’intero articolo sfoglia il numero 424 – 1/2021